La città di Las Vegas ha recentemente stretto una partnership con EnGoPlanet, una startup con base a New York, per alimentare l’illuminazione pubblica delle strade con l’energia pulita prodotta da due caratteristiche tipiche della città del Nevada: il sole e le lunghe vie pedonali.

EnGoPlanet ha installato in due vie principali della città dei lampioni solari e cinetici dotati di una batteria che viene caricata durante il giorno dai pannelli fotovoltaici (pannelli di ultima generazione che raggiungono un livello di efficienza del 24%) e dal passaggio dei pedoni mediante speciali piastrelle che immagazzinano l’energia cinetica prodotta dai pedoni stessi fino alla sera, quando gli impianti di illuminazione si attivano automaticamente. Questi lampioni intelligenti, oltre ad offrire illuminazione nelle ore notturne, alimentano anche telecamere di sicurezza, permetteranno ai passanti di ricaricare gratuitamente i loro smartphones e di potersi connettere ad un hotspot Wi-Fi.

screen-shot-2016-03-07-at-06-09-48

L’obiettivo di EnGoPlanet è quello di estendere il progetto anche nella “Strip”, la via principale di Las Vegas e successivamente di esportarlo anche in città più grosse del calibro di New York. Nel mondo esistono già città o paesi dove le luci alimentate dai pedoni sono attive, come Philadelphia, Saint Louis e il sultanato dell’Oman.

q-100

Ad oggi ci sono circa 300 milioni di lampioni in tutto il mondo che comportano 40 miliardi di dollari di costo annuo, 100 milioni di tonnellate di CO2 emesse ogni anno; queste le parole del CEO di EnGoPlanet Peter Mirovic a tal proposito: “Ogni angolo del pianeta e ogni settore economico rimarrà coinvolto dal cambiamento climatico nei prossimi anni; la nostra generazione ha quindi la responsabilità morale di trasformare il nostro sistema energetico”.